Esclusiva si o no

ESCLUSIVA O NON ESCLUSIVA PER L’ AGENTE IMMOBILIARE?

L’ esclusiva di vendita, rappresenta una clausola contrattuale. Dare l’ esclusiva di vendita vuol dire affidare solo, ed esclusivamente a quell’ agente immobiliare, o agenzia, la vendita del proprio bene immobiliare per il tempo stabilito nel contratto. Di norma, a corollario di tale clausola, c’è anche una penale nei confronti del venditore, fino ad un massimo della provvigione pattuita se la condizione non viene rispettata. Per l’ agente immobiliare, lavorare con esclusiva vuol dire poter lavorare con tranquillità. Infatti, non avendo altri “concorrenti” colleghi, può investire con più sicurezza, il proprio tempo e il proprio denaro per avviare una campagna pubblicitaria molto spesso offline. Per il proprietario invece rappresenta il poter delegare un attività impegnativa e delicata ad un altro soggetto, quale unico referente.

Perchè sono tanti i proprietari che non vogliono affidare la vendita con contratto in esclusiva all’ agente immobiliare? Personalmente ritengo, per esperienza, che il proprietario venditore non affida la vendita in esclusiva per due principali motivi: il primo è che ha già provato in prima persona l’ aver affidato ad una, magari due o tre agenti, la vendita in esclusiva senza aver ottenuto alcun risultato. Tante promesse ma niente fatti. Quindi è un proprietario che ha perso tempo prezioso, tempo, necessario che non si aspettava di perdere, pensando di poter liquidare il proprio immobile e disporre del denaro in tempi relativamente brevi oltre alla delusione di non aver avuto esaudite le aspettative che l’ agente di turno ha “assicurato”. Il secondo motivo è che una persona, a lui molto vicino, anche un amico di cui si fida, ha subito la stessa esperienza.

Se possiamo trovare un colpevole, la colpa è di quegli agenti e agenzie che lavorano, avendo come obiettivo principale l’ acquisizione di immobili in esclusiva quasi sempre a prezzi fuori mercato, dando false speranze o fornendo grandi aspettative al proprietario. Il loro obiettivo infine è poter ottenere, nel corso del tempo, ribassi su ribassi finchè non ci si avvicina al prezzo di mercato.

Ovviamente ci sono professionisti che ammiro molto, che operano anche in questo modo ma trasferendo, sin dal primo incontro, al proprietario, la responsabilità totale del prezzo, e che se si prova a mettere l’ immobile su mercato ad un prezzo superiore, lo si fa per vedere la reazione dello stesso, consapevoli comunque di doversi avvicinare quanto prima al prezzo di mercato.  Ritengo ancora che il mercato non abbia bisogno di tali figure, orientate esclusivamente alla vendita. Il mercato ha bisogno ad oggi di consiglieri/consulenti e professionisti che dicano, con educazione e rispetto per la cosa altrui, come stanno realmente le cose, ammesso che abbiano la competenza e l’ educazione per farlo.

Infine, fornire l’ esclusiva di vendita ad un professionista secondo me è una cosa corretta e giusta, a patto che lo stesso si sia presentato per bene, informando, con modo, tatto, ma sopratutto dati oggettivi, del reale prezzo di mercato e del posizionamento della casa nello stesso.