3 cose da fare prima di comprare

COSA FARE PRIMA DI CERCARE E COMPRARE CASA CON O SENZA AGENZIA IMMOBILIARE

Se hai deciso di acquistare casa, devi sapere che è fondamentale superare tre passaggi. Te ne renderai conto subito se entrerai in contatto con un agenzia immobiliare qualificata. Non superare queste fasi, ti causerà grandi perdite di tempo, ma ancor peggio, perdere il tanto desiderato immobile trovato (oltre anche al potenziale denaro impegnato). Denaro che perderesti sotto forma di caparra, impegnando un immobile che non potresti acquistare o che perderesti non rispettando le clausole contrattuali (tempistiche, spese) se non hai definito prima i tre punti.

  1. Analizzare la capacità di ottenere un mutuo: non tutti ricorreranno al mutuo se hanno una disponibilità economica immediata, ma se per comprare bisogna ricorrere al mutuo, anche se parziale, la prima cosa da fare è informarsi presso un istituto bancario o mediatore creditizio. Attraverso una prima consulenza, ti verrà analizzata la solidità e capienza economica. In parole povere vedranno se hai tutte le carte in regola per sostenere una rata di mutuo e di quale importo massimo. Mediamente le banche permettono al cliente di pagare una rata per un massimo del 40% rispetto al reddito netto mensile percepito (compreso le rate di altri finanziamenti in corso). Questa percentuale, può aumentare o diminuire secondo il tipo di nucleo familiare (quanti figli ci sono etc.). Se per esempio lo stipendio netto è di 1.200 euro, e non ci sono altre rate da pagare in corso, la rata massima, teoricamente sarà di 480 euro. Con quei  480 euro di rata massima verrà sviluppato, in base al tasso di interesse della banca e in base a quanti anni durerà il mutuo (20-25-30 anni) la somma massima che avrete a disposizione. Attenzione però, perchè, se sulla base di questi  1.200 euro di stipendio netto mensile, ci sono magari tre figli piccoli a carico nel nucleo familiare, la banca con molta probabilità, potrebbe finanziarvi solo fino ad un massimo del 30-35% della vostra capacità reddituale mensile. Il consiglio è visionare necessariamente tante banche. Ognuna di loro però avrà un enorme conflitto di interessi poichè il loro intento è quello di vendervi il loro prodotto e tasso, al di la del fatto che possiate trovarne uno migliore a condizioni migliori altrove. Affidandovi ad un mediatore creditizio, risparmierete tempo, in quanto quest’ ultimo saprà, una volta analizzato la vostra situazione, indirizzarvi subito in un preciso istituto bancario maggiormente adatto a voi e/o al miglior tasso. Inoltre possono anche avere condizioni agevolate rispetto al cliente che si rivolge alla stessa banca richiedendo lo stesso prodotto.
  2. Definire il budget di acquisto: lo scopo della prima analisi è farvi rilasciare una pre-delibera reddituale da parte della banca. Questa pre-delibera ha una durata di circa sei mesi con indicata la somma massima per voi ottenibile. In questo modo potrete concentrarvi in maniera serena alla ricerca secondo la vostra disponibilità. La ricerca avviene definendo il vostro budget calcolando anche le spese del notaio, le imposte, l’ eventuale agente immobiliare e l’ eventuale ristrutturazione/mobilio.
  3. Definire la somma disponibile: tranne che per le recenti eccezioni di mercato dove si arriva anche al 100%, le banche erogano mediamente al massimo l’ 80% del valore dell’ immobile. E’ quindi necessario e importante disporre di una somma prudenziale di almeno il 30% del prezzo di acquisto.